giovedì 1 febbraio 2018

MIGHTY FM 9x11 - TUNE-YARDS "i can feel you creep into my private life"


Dopo un corposo winter break, MIGHTY FM si butta a capofitto nel 2018 e nelle sue novità discografiche! Partiamo in quarta con un disco tutto da ballare, il quarto (appunto!) lavoro di Merrill Garbus aka TUNE-YARDS, "I can feel you creep into my private life". Partendo da un milieu familiare artistico, il percorso di Merrill si sviluppa al college dove studia teatro e concretizza una precoce passione per l'Africa studiando la musica taarab in Kenya. Espressione corporea, danza, musica incentrata su ritmiche sincopate, presentazione visiva coloratissima: sono queste le caratteristiche principali dell'universo Tune-Yards dopo un debutto folk-lo-fi-DIY su cassetta nel 2008 prontamente ristampato e rilanciato un anno dopo dalla 4AD. Album dopo album il suono si espande e si 'complica' sull'onda di un'inesauribile volontà di sperimentazione che non può mai scindersi da contenuti politici e di critica e messa in discussione della società e del proprio posto al suo interno. Razza, ineguaglianza sociale, gestione delle risorse primarie, rapporti di genere sono i temi centrali per canzoni che fanno pensare e muovere il corpo (a questo proposito: il live al Locomotiv per Genital Panik nel 2014 è stato uno dei più scatenati e torridi che ricordiamo!). Non fa eccezione questo ultimo lavoro che arriva dopo quasi 4 anni dal precedente "Nikki Nack" ma che formalmente presenta due novità: il bassista collaboratore di lunga data Nate Brenner diventa membro ufficiale del neo-duo firmando parte della musica e co-producendo il disco insieme a Garbus e l'abbandono della stilizzazione grafica del nome che vedeva l'alternanza di minuscole e maiuscole a sottolineare 'stranezza' e una certo atteggiamento (positivamente) 'caciarone'. Passi importanti che hanno informato la creazione di "I can feel you..." sono stati l'attività di Merrill come dj, la conduzione di una trasmissione radiofonica, la frequentazione di un seminario in un centro buddista e l'ascolto di artisti che sanno parlare della propria vita nel contesto dell'America razzista di oggi. Il risultato? 12 canzoni che si ispirano musicalmente alla house music e all'electro hip-hop degli inizi e che parlano di politica, razza, ambientalismo e femminismo intersezionale perché, come disse (forse) l'anarchica russa Emma Goldman, "If I can't dance, it's not my revolution!" Con Django Django, Keishh, Austra, Yoko Ono, David Byrne & St. VIncent, Mavis Staples, Laurie Anderson, Fever Ray e Shannon. (Ph. Eliot Lee Hazel)

giovedì 28 dicembre 2017

MIGHTY FM 9x10 - THE MIGHTY PITCHFORK BEST SONGS OF 2017 - TWO



MIGHTY FM torna in onda anche durante le feste per la seconda parte dell'annuale specialone sulle migliori canzoni dell'anno. Si parte come sempre dalla classifica di Pitchfork Media che viene studiata, selezionata e scremata secondo i gusti personali della nostra redazione. Dopo la prima puntata della scorsa settimana che ha coperto le posizioni dalla 100 alla 45, ci apprestiamo dunque a scoprire la parte alta della classifica tra vecchie conferme e sorprendenti novità.

giovedì 21 dicembre 2017

MIGHTY FM 9x09 - THE MIGHTY PITCHFORK BEST SONGS OF 2017 - ONE


Con l'intenzione - e il piacere - di soddisfare i suoi ascoltatori, MIGHTY FM presenta la tradizionale (doppia) puntata sulle migliori canzoni dell'anno. Come sempre, trarremo ispirazione dalla classifica stilata da Pitchfork, media musicale da noi notoriamente amato/odiato. E come sempre filtreremo quella lista distillando ciò che incontra i nostri soggettivi gusti, tra pezzi già noti e scoperte dell'ultimo minuto, specialmente nell'area rap-r&b che Pitchfork sembra prediligere ogni anno di più a segnare sì una comprensibile attenzione al paese di appartenenza, ma anche - a nostro parere - un sorprendente scollamento dal resto della produzione musicale mondiale... E quindi? E quindi ascolteremo un sacco di canzoni di cui solo un quarto non statunitensi...ma britanniche: che l'"angloamericocentrismo" trionfi!

giovedì 14 dicembre 2017

MIGHTY FM 9x08 - CHARLOTTE GAINSBOURG "rest"


MIGHTY FM torna dopo una breve assenza per parlare, ascoltare, sentire - nel senso 'acustico' ed emotivo del termine - il nuovo album di CHARLOTTE GAINSBOURG, uscito quasi un mese fa a distanza di 6 anni da 'Stage Whisper'. Dal precoce esordio sia nella musica che nel cinema, Charlotte - figlia dell'immortale Serge e della sua musa di tanti anni, Jane Birkin - ha recitato in oltre 50 film lasciando alla musica un ruolo apparentemente marginale: qualche duetto/partecipazione (con la madre, Badly Drawn Boy, Étienne Daho, Jarvis Cocker), qualche canzone dalle colonne sonore di suoi film, qualche cover. Dopo il disco scritto dal padre, "Charlotte For Ever" del 1986 e la morte di Gainsbarre nel 1991, la musica per Charlotte è diventata quasi un tabù e il desiderio comunque presente di esprimersi in modo molto più personale che nel cinema, la porta a cercare musicisti ammirati e parolieri esperti, per la paura di non essere all'altezza dell'eredità paterna. Bisogna arrivare quindi al 2006 per "5:55", disco composto dagli Air con i testi di Jarvis Cocker e Neil Hannon e la produzione di Nigel Godrich. L'omaggio musicale a Serge è sempre presente e non detto, la lingua è predominantemente l'inglese, anche nel successivo "IRM" creato con Beck. "REST" arriva dopo una gestazione di 5 anni, dopo i primi esperimenti di scrittura con Connan Mockasin, la scelta di un nuovo produttore - l'enfant terrible dell'electro francese, SebastiAn -, processo interrotto ed informato dalla morte della sorella Kate Barry nel 2013. Da quel momento Parigi diventa insopportabile e l'atmosfera 'diffusamente artistica' di New York sblocca la scrittura di Charlotte che inizia anche a fotografare e a filmare. Tutto ciò rende "Rest" (riposo in inglese e resta se 'letto' in francese) un lavoro che può rivendicare finalmente come proprio, avendone curato praticamente tutti i testi, la veste grafica e la regia dei video. Anche dal punto di vista musicale tutti gli input sono partiti da lei e 'implementati' nel modo desiderato da SebastiAn: colonne sonore di film horror (Lo Squalo, Psycho, Shining), classica (Béla Bartòk), elettronica-disco (Moroder). Canzoni che parlano di morte/perdita e ricordi d'infanzia, contrapposizione tra testi forti e musica uptempo, tra il francese dei versi e l'inglese dei ritornelli. Né triste, né terapeutico: assolutamente necessario. Con Beck, Jean-Pierre Ferland, Justice, Lou Doillon, Pierre Henry & Michel Colombier, Pulp, SebastiAn, Serge Gainsbourg & Jane Birkin, The Beatles e una piccola apparizione degli Smiths.

giovedì 16 novembre 2017

MIGHTY FM 9x07 - LINECHECK MUSIC MEETING and FESTIVAL, Milano



Dopo la trasferta al Club to Club e i comodi appuntamenti cittadini dell'Express Festival, MIGHTY FM si sposta a Milano per il LINECHECK Music Meeting and Festival. Giunto alla terza edizione, l'evento organizzato da Elita dal 21 al 26 novembre vedrà quasi 130 appuntamenti tra incontri, workshop, presentazioni, showcase, concerti e serate di clubbing. Linecheck si pone come centro nevralgico della prima Milano Music Week che, curata da Luca de Gennaro, mira a convogliare tutte le realtà che si occupano di musica in un'iniziativa di respiro nazionale con una prospettiva internazionale". E sicuramente più internazionale è lo 'scope' del Linecheck col suo obiettivo dichiarato di far conoscere nuove tendenze, nuovi protagonisti e nuovi progetti della musica internazionale ed italiana espresso dallo slogan (sì, noi siamo retrò) #shapeyourfuture. Il Music Meeting si concentrerà dal 22 al 24 ospitando a Casa Linecheck (presso l'Archiproducts di Via Tortona) e al BASE Milano (Via Bergognone) rispettivamente gli appuntamenti rivolti strettamente agli addetti ai lavori e le conferenze di argomento più ampio che possono coinvolgere anche il pubblico degli appassionati. A Mighty FM cercheremo di dare un'idea di questa notevole operazione dedicata all'industria musicale (autori, editori, promoter, locali, festival, musicisti e royalties), concentrandoci soprattutto sul Music Festival, sul programa parallelo Linecheck Plus e su Load-In, "acceleratore per band emergenti" ascoltando: Sevdaliza, L I M, Yombe, Little Dragon, HÅN, LNDFK, Slowtide, Cari Cari, Moses Sumney, Jacques, Perfume Genius, Technoir, Charo Galura, Wandl, Niagara, Telefon Tel Aviv, Ash Koosha, James Holden & The Animal Spirits, Nìdia, MC Bin Laden, Calibro 35, Thundercat, Paranoid London, IAMNOBODI, Freddie Gibbs & Klangstof. Puff pant!

giovedì 9 novembre 2017

MIGHTY FM 9x06 - EXPRESS FESTIVAL @ LOCOMOTIV CLUB, Bologna


Bologna culla della cultura alternativa antagonista avanguardista, città universitaria di radio libere e circoli, sede di storici locali per concerti. Attualmente, oltre allo storico Covo in attività dal 1980 e all'Estragon (ma anche il 'nostro' TPO :)), da 10 anni a questa parte c'è anche e soprattutto il Locomotiv Club. L'idea di prendere in gestione il teatrino del Dopo Lavoro Ferroviario per farci un rock club sembrava piuttosto rischiosa ma la tenacia dei 3 soci fondatori, la loro capacità di intercettare le nuove tendenze e di proporre musica di qualità è stata ricompensata. Una tendenza al rilancio costante che vede ogni anno un calendario più denso di quello precedente, con una ricerca costante e la capacità di ospitare nomi sempre più importanti. All'interno della normale programmazione stagionale, dal 2007 il Locomotiv Club seleziona una serie di live che vengono presentati sotto l'insegna dell'Express Festival: "una rassegna dall’alto profilo qualitativo e dal respiro internazionale dedicato alla musica indipendente che rispecchia nella sua composizione l’essenza del Locomotiv Club, ricalcandone l’attenzione per la qualità, la tempestività nel proporre artisti prima della loro ascesa e la trasversalità nelle proposte musicali." Patrocinato dalla regione Emilia-Romagna, quest'anno l'Express Festival comprende 10 concerti per celebrare il decennale del club. Dopo aver ospitato nelle passate edizioni tra gli altri Savages, Four Tet, Caribou, Anna Calvi, Wild Beasts, James Blake, Omar Souleyman,Tortoise e Psychic Tv, quest'anno, dopo le prime due date del 27 e 28 ottobre con Tycho e Coldcut (e quella purtroppo annullata di Carla Dal Forno), siamo in procinto di affrontare 10 (!) giorni intensissimi in cui potremo godere delle performance di: Lamb + HÅN, !!! (Chk Chk Chk) + Universal Sex Arena, Fujiya e Miyagi, Zola Jesus + Devon Welsh (ex Majical Cloudz), Arto Lindsay, Lali Puna + Manitoba e per finire Liars + Happy Meals. E ce li ascolteremo tutti! https://www.facebook.com/pg/express.locomotivclub/

giovedì 2 novembre 2017

MIGHTY FM 9x05 - CLUBtoCLUB Festival 2017 - SECONDA PARTE


MIGHTY FM è in procinto di proiettarsi ancora una volta a Torino per il Club to Club festival 2017! Nella prima parte abbiamo già parlato e soprattutto ascoltato quasi tutti gli artisti che parteciperanno alla 'Cheek to Cheek' edition che inizia mercoledì 1 novembre con il 'grand opening' alla Reggia di Venaria per poi proseguire negli spazi delle Officine Grandi Riparazioni (altra grande struttura industriale recuperata e riconvertita virtuosamente a scopi musicali-artistico-ricreativi), nei padiglioni del Lingotto Fiere per le serate del weekend, in Piazza Madama Cristina per lo street party domenicale. Parzialmente sovrapposto alla programmazione regolare del festival l'evento Kraftwerk 3D - The Catalogue vedrà dal 4 al 7 novembre la band tedesca eseguire interamente 8 album dalla loro discografia, da "Autobahn" a "Tour de France". Riprendiamo dunque l'ascolto dei protagonisti della giornata campale del sabato partendo da chi abbiamo dimenticato nella prima puntata ovvero: Not Waving, Jungle, Kàryyn, Liberato, Smerz, Mura Masa, Mana, Actress, Richie Hawtin, Jacques Greene, Helena Hauff, Lanark Artefax, Lorenzo Senni e ovviamente Kraftwerk.