giovedì 26 febbraio 2015

MIGHTY FM 6x10 - GAZ COOMBES "matador"


FAI CLIC DESTRO PER SCARICARE IL PODCAST
Della miriade di gruppi nati nell’era d’oro del Britpop pochi sono quelli che hanno resistito alla prova del tempo e, a dispetto dei suoi detrattori, alcuni di quei gruppi hanno prodotto non ‘semplici’ rivoluzioni musicali ma veri salti evolutivi... Tra tutti i Supergrass erano quelli più allegri, matterelli e forse più genuini. Frutto della scena oxfordiana, mai prolifica come in quel periodo, la band aveva la faccia di GAZ COOMBES, basettoni e sguardo ridente-allucinato. Dopo una più che onorevole carriera nella band Gareth Michael ha intrapreso una più che convincente carriera solista giunta ora al secondo episodio, “Matador”. Album naturale e istintivo che rivela una grande sicurezza senza mai scadere nella spacconeria. Le origini rock-psichedeliche sono chiare ma colorate di elettronica, loop e beat programmati; i ritornelli trascinanti ci sono ancora ma meno semplici e prevedibili. Tra motorik e cori gospel Gaz Coombes ha creato un lavoro autorevole e maturo, ricco di malinconia e passione. Con Damon Albarn, Swervedriver, Thom Yorke, Ride, Pulp, The Hot Rats, Arcade Fire e Supergrass.

giovedì 19 febbraio 2015

MIGHTY FM 6x09 - VIET CONG "viet cong"


FAI CLIC DESTRO PER SCARICARE IL PODCAST
Eccoci di ritorno nell'etere per parlare di uno dei gruppi 'caldi' che hanno catturato l'attenzione di (e tenuto sulla corda) stampa specializzata e fan. Un debutto atteso un po' come quello dei New Order perché metà dei VIET CONG (come si leggere in ogni singolo articolo e recensione) erano metà dei compianti Women la cui avventura si è chiusa in modo definitivo e tragico nel 2012. Sono quindi le vicende luttuose che proiettano un'ombra lunga su "Viet Cong", primo vero e proprio album dopo l'interlocutorio ep "Cassette" dell'anno scorso. Ombra che prende la consistenza di percussioni sorde e suoni industriali post-punk e dark, di riflessioni sull'inutilità dell'esistenza e sulla morte (a cui vengono dedicati gli 11' del pezzo di chiusura), ma che viene squarciata da inaspettate lame di luce e melodie pop e psichedeliche. Un suono unico e composito che attinge al passato non come modello da copiare ma come punto di partenza verso il presente in una trionfale "March of Progress", col coraggio di chi sceglie la strada meno battuta. Con Chad Vangaalen, Deerhunter, Ought, Wolf Parade, This Heat, Holy Fuck, Interpol, These New Puritans e naturalmente Women. LIVE @ Primavera Sound Barcelona+Porto & Beaches Brew Hana-bi (Marina di Ravenna)